Chi siamo
Settori
Servizi agli iscritti
Iniziative
Formazione sindacale
Monitoraggio appalti
Nei posti di lavoro
Formazione continua
Web Cgil
Politiche di genere
Previdenza
Campagna RSU 2018
I contratti
immigrazione
Documenti
Links utili
Archivi
Regione Sardegna e mobilità: arbitrio o regole?

Regione Sardegna e mobilità: arbitrio o regole?

Oggi ci sono dipendenti del comparto regione che vivono la stessa situazione (distanza da casa, direzione di appartenenza, carico familiare etc.) i quali, quando fanno domanda di mobilità, vengono trattati in modo differente. Perché?

Lunedi 06 Gennaio 2020
Condividi con:
Condividi su Twitter Condividi su Diggita Condividi su Technorati Condividi su My Space Condividi su Digg Condividi su Google Bookmarks Invia a un amico Stampa Ti piace
297
Non ti piace
1

Oggi ci sono dipendenti del comparto regione che vivono la stessa situazione (distanza da casa, direzione di appartenenza, carico familiare etc.) i quali, quando fanno domanda di mobilità, vengono trattati in modo differente.

Perché?

Perché non ci sono regole, e quelle poche che ci sono non vengono rispettate.

Oggi ci sono dipendenti dell’Amministrazione centrale assegnati molti anni fa ad una direzione generale e, nonostante da molto tempo facciano domande di mobilità, non vengono spostati. Altri vengono spostati nel giro di 24/48 ore.

Perché?

Perché viviamo in un regime feudale.

Noi siamo contrari. Vogliamo che diventi una battaglia di tutte le lavoratrici e lavoratori. Vi chiediamo di darci una mano. Chiediamo alle altre sigle sindacali di preferire le regole e la trasparenza all’arbitrio feudale.

Cominciamo proponendovi una bozza di regolamento sulla mobilità che abbiamo elaborato, e che va tarato su ogni sede di contrattazione integrativa.

Ci aiutate?

Potete contattarci a fpcgilcosire@gmail.com


Enrico Lobina

 

Allegati Notizia