Elezioni RSU 2018
Chi siamo
RSU e Comitati iscritti
Comparti
Monitoraggio appalti
Iniziative
immigrazione
Formazione sindacale
Politiche di genere
Previdenza
Formazione continua
I contratti
Servizi agli iscritti
Documenti
Links utili
Siti collegati
Archivi
Fp Cgil: No al braccialetto elettronico operatori ecologici

Fp Cgil: No al braccialetto elettronico operatori ecologici

“È una misura inaccettabile che lede la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori”. È questo il commento della FP Cgil in merito alla decisione di un’azienda di Livorno di introdurre i braccialetti elettronici per controllare gli operatori ecologici.

Mercoledi 18 Aprile 2018
Condividi con:
Condividi su Twitter Condividi su Diggita Condividi su Technorati Condividi su My Space Condividi su Digg Condividi su Google Bookmarks Invia a un amico Stampa Ti piace
17
Non ti piace
12

Lavoro: Fp Cgil, inaccettabile braccialetto elettronico per operatori ecologici a Livorno

Roma, 13 aprile – “È una misura inaccettabile che lede la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori”. È questo il commento della Funzione Pubblica Cgil in merito alla decisione di un’azienda di Livorno di introdurre i braccialetti elettronici, in stile Amazon, per controllare il lavoro degli operatori ecologici, un braccialetto che ‘dialogherebbe’ con il cestino per controllare che venga svuotato.

Per la Fp Cgil “ci sono già i superiori delle aziende a controllare se il servizio è svolto o meno, oltre che molti mezzi muniti di Gps. Ci sembra assolutamente inadeguato andare oltre queste misure, più che sufficienti. Come sindacato ci siamo già presi la responsabilità di costruire un contratto di lavoro che rispondesse alle esigenze aziendali e degli utenti che pagano le tasse. Non siamo disposti a cedere altro, né sul costo del lavoro né sui meccanismi di controllo”.


Secondo la Funzione Pubblica Cgil “i problemi nel comparto sono altri, a partire dalla salute e sicurezza sul lavoro, soprattutto a fronte di un aumento di lavoro manuale, e sarebbe bene che le aziende e le istituzioni si occupassero di questo, anziché di controlli che a poco servono e che ledono la dignità dei dipendenti. Prima di apprendere la notizia avevamo chiesto un incontro all’Anci Toscana. A questo punto diventa indispensabile farlo quanto prima. Se non dovessimo ricevere risposte, siamo pronti a proclamare lo stato di agitazione di tutto il comparto a difesa e tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori che operano nell’igiene ambientale”, conclude la Fp Cgil.