Chi siamo
RSU e Comitati iscritti
Comparti
Monitoraggio appalti
Iniziative
immigrazione
Formazione sindacale
Politiche di genere
Previdenza
Formazione continua
I contratti
Servizi agli iscritti
Documenti
Links utili
Siti collegati
Archivi
Polizia Penitenziaria in piazza, no a strumentalizzazioni

Polizia Penitenziaria in piazza, no a strumentalizzazioni

Oggi a Roma la Polizia Penitenziaria in piazza Montecitorio in occasione del bicentenario del Corpo, per chiedere risorse, occupazione e politiche specifiche per la Polizia Penitenziaria. Partecipazione anche da Cagliari alla manifestazione.

Martedi 19 Settembre 2017
Condividi con:
Condividi su Twitter Condividi su Diggita Condividi su Technorati Condividi su My Space Condividi su Digg Condividi su Google Bookmarks Invia a un amico Stampa Ti piace
7
Non ti piace
9

“Meno parole e più fatti a sostegno della polizia penitenziaria. Dietro queste parole, sintesi di una piattaforma sindacale che sottende la rivendicazioni di risorse, occupazione e politiche specifiche per la Polizia Penitenziaria, domani scendiamo in piazza Montecitorio a Roma in occasione del bicentenario del Corpo”. È quanto fa sapere in una nota la Funzione Pubblica Cgil, in merito alla manifestazione in programma domani davanti alla Camera e promossa da diversi sindacati di categoria.

“Ma va precisato - sottolinea la Fp Cgil - che parliamo di una specifica vertenza sindacale, su temi che riguardano la condizione lavorativa e i diritti di chi in carcere lavora tutti i giorni. Per questo riterremo inaccettabili e contesteremo tutti i tentativi che partiti e forze politiche dovessero mettere in atto per strumentalizzare le ragioni che sosteniamo, così come ci opporremo ai tentativi di piegare a fini politico-elettorali questioni importanti e delicate anche per la qualità della convivenza civile e dello stato di diritto”.

“Come ha fatto - precisa la nota - il segretario della Lega Nord decidendo di alimentare convinzioni errate e pericolose per la democrazia e lo stato di diritto con le affermazioni fatte a Pontida a fini elettorali in cui si vorrebbe dare ‘mano libera’ a polizia e forze dell’ordine, e non si dice nemmeno per fare cosa. Siamo convinti che dare efficienza a tutti i Corpi che hanno il fine di garantire sicurezza e protezione alle persone nel nostro Paese non significhi, né debba significare, la rimozione di qualsivoglia limite normativo o gestionale alle loro funzioni”, conclude la Funzione Pubblica Cgil.